Conciliazione lavoro famiglia, Work Life Balance e Work Life Balance Best Practices

Il Work Life Balance (WLB) è l’insieme delle politiche attuate dalle imprese al fine di favorire il corretto equilibrio tra vita professionale e personale. Le pratiche di WLB sono il risultato dei recenti cambiamenti socio-demografici ed economici che hanno profondamente modificato la società e il mercato del lavoro.

Il numero delle donne e madri lavoratrici è aumentato negli ultimi anni, così come il numero delle famiglie in cui lavorano entrambi i coniugi (con la conseguente necessità di trovare soluzioni legate ad esempio alla cura della famiglia).  Per questo si parla di conciliazione lavoro famiglia tanto in ottica femminile quanto maschile.

All’interno del WLB assume particolare importanza la questione della conciliazione tra famiglia e lavoro. Etimologicamente, il termine conciliazione deriva da concilium, a sua volta formato da cum calare, che si traduce con “chiamare insieme”. Secondo tale accezione, conciliare significa mediare, individuare un punto di incontro tra posizioni-interessi contrastanti.

Il concetto di conciliazione si riferisce al tentativo concreto e progettuale (definito nei piani di welfare aziendale) di trovare un equilibrio e tra vita familiare e vita lavorativa e rendere quanto meno contrastante possibile la sfera privata e quella professionale.

Le aziende possono mettere in atto politiche di WLB e conciliazione lavoro famiglia tramite iniziative quali, ad esempio, i congedi parentali, le soluzioni per la cura dei bambini e degli anziani, benefit economici per il sostegno alla famiglia, la predisposizione di asili nido aziendali.

I casi di eccellenza, relativamente alle aziende che mettono in atto tali politiche, rappresentano delle WLB Best Practices.

 

Bibliografia

  • AA.VV. (2005), Total Reward System e Work Life Balance: un approccio integrato all’attrazione e retention delle persone nelle organizzazioni, Roma, Università La Sapienza, cattedra “Formazione e Politiche Risorse Umane” c/o Scienze della Comunicazione (http://images.1-to-x.com/elrn/430.pdf).
  • Avallone F. e Paplomatas A. (2005), Salute Organizzativa. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  • Aycan Zeynep (2004), Key success factors for women in management in Turkey, Applied psychology.
  • Bailyn L. – Fletcher J.K. (2002), Work Redesign: Theory, Practice and Possibility, MIT Workplace Center, Cambridge, Working Paper.
  • Boldizzoni D. (2000), Creare valore con le risorse umane – La forza dei nuovi paradigmi nella direzione del personale. Milano: Guerini e Associati.
  • Donati, P., & Prandini, R. (2006). Buone pratiche e servizi innovativi per la famiglia. Milano: Franco Angeli.
  • Faldetta G. (2008), Corporate Family Responsibility e Work-life Balance, Franco Angeli.
  • Gherardi S. (1998), Il genere e le organizzazioni. Il simbolismo del femminile e del maschile nella vita organizzativa, Milano, Raffaello Cortina Editore.
  • Kagitcibasi Cigdem (2002), Psychology an human competence development, Applied psychology.
  • Ricci F. (2006), Lavorare bene e con soddisfazione, Reggio Emilia, DSSCQ.
  • Ricci F. (2007), Introduzione alla psicologia del lavoro, Sassuolo (MO), Incontri Editrice.
Share This