La chiave anche del processo produttivo è la famiglia.

Marco Vigorelli

Fondazione Marco Vigorelli

Storia

Ispirata all’omonimo economista, Senior Partner di Accenture, scomparso nel 2002, la Fondazione Marco Vigorelli è stata promossa da amici, colleghi e familiari, per dare continuità alla sua opera di promozione e sostegno di iniziative volte al bene della persona in ambito professionale, familiare e sociale. Persegue obiettivi di pubblica utilità nei settori della ricerca, della formazione e dell’assistenza sociale, attraverso pubblicazioni, convegni e seminari.

Allo stato attuale è possibile delineare tre fasi dello sviluppo di FMV.

Nella prima fase (2003-2010) presidente in carica è Guido Vigorelli. Le attività di FMV si concentrano sulla Corporate social responsibility: da un lato rivolgendo una particolare attenzione allo studio delle implicazioni etiche dell’attività di impresa, dall’altro promuovendo un pensiero economico fondato sulla dignità della persona umana, il cui sviluppo integrale costituisce il fine di ogni attività imprenditoriale economica e finanziaria. Viene attribuita una borsa di ricerca a Guglielmo Faldetta i cui risultati confluiscono nel 2008 nella pubblicazione del volume Corporate family responsibility e work-life balance (contributi di Pierpaolo Donati, Lucio Fumagalli, Carlo Sorci, Franco Angeli, Milano 2008) presentato il 28 settembre 2010 in un convegno dal titolo “La Corporate Family Responsibility come vantaggio competitivo nella gestione delle Risorse Umane” svoltosi all’Università Bocconi di Milano e seguito da un “Think Tank” a Palazzo Marino.

La seconda fase (2010-2013), coincide con la presidenza di Lucio Fumagalli. Viene promossa l’edizione italiana del volume Artefici del nostro destino. Realizzare se stessi tra lavoro e famiglia, a firma di Nuria Chinchilla e Maruja Moragas (Lupetti, Bologna 2010). Si tratta di un testo che si sviluppa non solo sul tema della conciliazione in ambito professionale e familiare, ma anche sulla disposizione al lavoro, stimolando un approccio che si avvale dei percorsi di coaching e di implementazione della leadership personale. Viene realizzato l’Archivio storico su Marco Vigorelli e istituito il Comitato Scientifico di FMV. Con l’istituzione di un osservatorio temporaneo sulla Corporate family responsibility negli USA, Emanuele Rizzardi, ricercatore di FMV, può collaborare con Jennifer Owens (di Working Mother). Vengono attribuite diverse tesi di laurea sul tema della conciliazione e del welfare aziendale in collaborazione con il Comitato Scientifico di FMV. Viene promossa, a cura di Gaia Scacciavillani e Pietro Dagnino, la pubblicazione del libro su Marco Vigorelli, Ricordi di un guerriero (Roma 2013).

Nel 2013 sotto la presidenza di Ilaria Vigorelli, è istituito il Premio per le tesi di Laurea intitolato a Marco Vigorelli, proposto inizialmente in quella che era stata la sua università, l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Successivamente il Premio Marco Vigorelli è stato esteso a livello nazionale, con un ampliamento dei temi della ricerca, che vanno dalla corporate social responsibility alla corporate family responsibility, dalla conciliazione lavoro famiglia al welfare aziendale. Inizia la pubblicazione della newsletter trimestrale e la produzione di interviste e articoli in collaborazioni con altri enti di ricerca. Nel 2014, viene organizzato il workshop “Self empowerment e work-life balance” ‒ che coinvolge relatori di BNL-Gruppo BNP Paribas, Mercedes Benz-Italia, Procter&Gamble e The Coachingroup ‒ all’interno del Convegno Internazionale “Personal Flourishing in Organizations” promosso dal Centro di Ricerca Markets, Culture and Ethics di Roma. Nel 2015, in Cattolica, l’evento “Benessere aziendale, benessere del dipendente”, celebra l’attribuzione del Premio Marco Vigorelli grazie agli interventi di Vittorio Coda (Bocconi), Diego Visconti (Fondazione Italiana Accenture) e Barbara Imperatori (Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano). Il 13 marzo 2017 a Roma all’Istituto Luigi Sturzo si svolge la tavola rotonda “Il tempo dei padri. Scenari contemporanei della paternità” coordinata da Isabella Crespi, ordinario di Sociologia dell’Università di Macerata, cui partecipano l’Istituto di Studi sulla paternità, l’Associazione Nessuno tocchi papà e Piano C.

Mission

Portiamo avanti il pensiero di Marco Vigorelli condividendone l’attenzione alla persona e a tutte le realtà in cui essa si esprime, soprattutto la famiglia e il lavoro.

Sosteniamo attività di ricerca che propongano un rinnovamento delle metodologie impiegate dalle organizzazioni finanziarie sotto il profilo strategico e operativo in ottica di benessere aziendale e di benessere del dipendente.

Condividiamo tematiche di governance, organizzazione dei processi aziendali e di controllo di gestione, prediligendo la riflessione su corporate family responsibility e work-life balance.

Share This