Lavoro e lavoratori/trici “smart”. Ricerca accademica ed evidenze aziendali sullo smart working

Lo smart working è una risorsa per il management? Serve davvero ai lavoratori e alle lavoratrici? Che impatto ha sulle relazioni, in azienda e in famiglia? Sono alcune delle domande alle quali hanno risposto i protagonisti della tavola rotonda Lavoro e lavoratori/trici “smart”. Ricerca accademica ed evidenze aziendali organizzata dalla Fondazione Marco Vigorelli che si è tenuta all’Università degli Studi di Milano il 19 febbraio.

L’occasione di questo momento di confronto è stata la pubblicazione del secondo numero dei Quaderni della Fondazione, presentato da Isabella Crespi, direttrice della collana che analizza la Corporate Family Responsibility attraverso un approccio multidisciplinare.

Significativi a tale proposito sono stati gli interventi dei relatori, da Alberto Vigorelli a Vittorio Coda, da Luca Solari ad Adele Mapelli, da Arianna Visentini a Cinzia Laura Salvetti, da Ilaria a Franca Maino, curatrice del Quaderno Lavoro e lavoratori/trici “smart” a cui quasi tutti i relatori presenti hanno partecipato con un personale contributo.

Tre le domande che hanno spinto i relatori a riflettere: lo smart working rappresenta una sfida o una risorsa per il management? Serve davvero ai lavoratori e alle lavoratrici e perché? Il benessere che produce, è un benessere per le famiglie, per dipendenti e anche per l’azienda?

L’esperienza del lavoro agile ha indicato che lo smart working “conviene” davvero se conviene a tutti: all’azienda, ai manager e soprattutto alle persone.

Smart working, quindi, solo se diventa possibilità di benessere, sia per le famiglie, che per i lavoratori che per l’azienda, attraverso un dialogo nel quale gli obiettivi siano condivisi da tutte le parti coinvolte.

Durante l’evento è stata premiata Elisabetta Fermo, vincitrice della V edizione del Premio Marco Vigorelli, proprio per una tesi sullo smart working.

Dal pubblico della tavola rotonda sono emersi molteplici interventi e occasioni di riflessione, che hanno dimostrato quanto “ripensare” il tema del lavoro di fronte alle sfide contemporanee sia un impegno da portare avanti in maniera costante, sempre grazie a sinergie e relazioni.

Invito             Comunicato_Stampa

 

Gallery

Contest Fotografico
Share This